Buona la prima casalinga per l’Asti: al Censin Bosia battuto in rimonta l’Acqui

L’Asti passa indenne da un test decisamente complicato. Al “Censin Bosia” arrivava l’Acqui di una vecchia conoscenza del calcio astigiano, vale a dire Arturo Merlo.

I primi quindici minuti sono di marca alessandrina, culminati col goal del vantaggio firmato da Coletti, abile a inserirsi nell’area astigiana e trafiggere sul primo palo Brustolin. I galletti reagiscono prontamente e al minuto 17 Piana è il più lesto nell’avventarsi su una respinta non irresistibile di Cipollina, insicuro sul tiro centrale di Lewandowski. È 1-1. La squadra di Montanarelli inizia a macinare gioco e al 22′ Picone avrebbe la possibilità di segnare ma la sua conclusione è alta. Il primo tempo finisce in parità.

Nella ripresa Lewandowski e compagni partono con un pressing più convinto, mettendo spesso in difficoltà i portatori di palla termali. La rete è nell’aria ed è infatti proprio il numero 10 biancorosso a siglarla: un buon servizio di Hotaj pesca Lewandowski, il quale calcia in porta, il pallone deviato da Camusso rende imprendibile la sfera che si insacca alle spalle dell’incolpevole portiere. La rete del 3-1 mette anche fine alle ostilità quando Orlando spara dai 20 metri un sinistro chirurgico nell’angolino basso alla sinistra di Cipollina, facendosi di fatto perdonare l’errore precendente davanti alla porta che avrebbe permesso ai galletti un finale più tranquillo.

Asti-Acqui 3-1

Asti: Brustolin, Marchetti, Ottone, Sinisi, Di Savino, Feraru, Toma, Hotaj, Piana, Lewandowski, Picone. A disp.: Iunissi, Lanfranco, Plado, Orlando, Cavazza, Masoello Perlino, Bandirola, Tenuzzo, Colonna.
Acqui: Cipollina, Nani, Morabito, Gilardi, Rondinelli, Camussi, Coletti, Genocchio, Merlano, Baldizzone, Ivaldi. A disp.: Rovera, Manno, Cerrone, De Bernardi, Campazzo, Zunino, Bollino, Massaro, Innocenti.

Marcatori: pt Coletti (Ac), Piana (A); st Lewandowski (A), Orlando (A)

Montanarelli: “Partita complicata, lo sapevamo, ma quando vinci queste partite sporche è sempre importante per il morale. Sono contento di tutti i miei ragazzi. Adesso mercoledì ci aspetta una trasferta ostica a chisola, su in campo per noi maledetto. Feraru ha riportato un problema all’adduttore, lo valuteremo domani ma sarà difficile recuperarlo per mercoledì”.

Merlo: “Non ho nulla da rimproverare ai miei ragazzi. Siamo venuti qui per vincere, provando a fare il nostro gioco. Loro sono una grande squadra. Ci dispiace per il risultato che può ingannare ma la verità è che per lunghi tratti siamo stati in partita. Dobbiamo crescere tanto e lo sappiamo ma fortunamente alle porte c’è la partita col pinerolo mercoledì che ci darà modo di tornare subito in campo per rimediare a questo passo falso”.

Lewandowski: “Oggi la squadra ha dimostrato carattere e di avere gli attributi. Contento per il goal perché alla fine stava diventando una sfida personale col loro portiere ma ciò che conta è il gruppo, non importa chi segna. Ora testa a mercoledì perché in un campionato così difficile basta poco a commettere un passo falso”.