Quantcast

Storica vittoria Brancaleone ai Cds di cross giovanile, Amandola: “Un risultato in cui la società ha creduto da tempo”

Il 39° Cross di Borgaretto disputato domenica 6 febbraio ha visto gli atleti della Brancaleone e della Vittorio Alfieri conquistare titoli nel campionato di società per le categorie giovanili.
La vera sorpresa dal campo gara arriva ad opera della Brancaleone Asti che si aggiudica il titolo nella classifica combinata promozionale Giovanile e quello nella categoria Ragazze, mentre l’Alfieri vince quello tra i Cadetti.

Quello della Brancaleone Asti rappresenta un risultato storico in una società in cui il settore giovanile è rappresentato da diverse anime. Una grande soddisfazione per il presidente, Fabio Amandola, che commenta così: “Credo sia un traguardo storico della società, che ha creduto da tempo e ha investito sul progetto di collaborazione con il gruppo istruttori del Progetto Junior”.

Questo risultato racchiude il lavoro portato avanti dalla Brancaleone già da alcuni anni insieme al Progetto Junior, le cui ragazze sono tesserate per la Brancaleone – mentre i ragazzi sono Vittorio Alfieri – e allo Junior Pentathlon, seguiti da Roberto Musso. A Borgaretto hanno brillato, su tutte, la strepitosa Annachiara Allara (nella foto, del gruppo Junior Pentathlon), dominatrice della sua gara nella categoria Ragazze, mentre al terzo posto si è classificata Aurora Marello, sempre Brancaleone ma gruppo Junior.

Oltre al loro apporto, è nata durante la pandemia anche un progetto Junior – così chiamato perché rivolto ai più giovani – fatto in casa tutto Branca, a Canelli. “Si tratta di un progetto con il patrocinio del Comune di Canelli – spiega Amandola – per cercare di sensibilizzare i ragazzi ad avvicinarsi al mondo dell’atletica, anche perché è uno dei pochi sport che non si sono dovuti fermare durante il periodo di pandemia. A seguirlo, insieme a me, c’è Claudio Meda, istruttore in Scienze Motorie e gestore della palestra Master gym, e Marco Dal Rovere che, oltre a seguire il Progetto Junior ad Asti, è diventato un insegnante delle scuole superiori qui a Canelli.”