Quantcast

Monferrato Rugby: vittoria esterna per la prima squadra a Lecco, bene l’under 15 e ko di misura per l’under 19

Il ruggito dei leoni del Monferrato Rugby si fa sentire in trasferta: a Lecco il XV di “Lupo” Franchi si impone 24-20 al termine di un match intenso ed emozionante, valido per la sesta giornata del Girone 1 di serie B.

Parte meglio la squadra di casa, che grazie a due calci si porta a condurre per 6-0. Giunge poi al 20′ il calcio di Jaume Giorgis che vale il 6-3 e che sblocca gli ospiti piemontesi. Il Lecco, con una meta trasformata, allunga sugli avversari tredici minuti più tardi (13-3) ma l’ultima parola, negli istanti finali della prima frazione, è quella squadra biancorossa grazie a Dapavo, che realizza la meta (trasformata) del 13-10 che tiene a stretto contatto le due contendenti. Al 50′ nuova meta del Lecco, con giallo comminato a Caffe (20-10), poi una meta tecnica permette ai leoni di rifarsi sotto (20-17) al 73′. Il finale di partita è tutto di marca astigiana: all’ultimo giro di lancette, infatti, la “garra” dei ragazzi della città di Alfieri viene premiata grazie a una meta tecnica che vale il sorpasso e il successo per 24-20 su un campo decisamente ostico come quello lombardo. Da sottolineare, nelle fila del XV del presidente Enzo Carafa, l’esordio di Felipe Quiroga.

MONFERRATO RUGBY: Giorgis, Brumana, Dapavo, En Naour, Minoletti, Thomsen, Berton (Quiroga), Shelqueti, Ceglia, Caffe, Metallaj, Kotaj (Grassotti), Canta, Dalmasso (Gallo), Chibsa

Nel fine settimana degli under brilla L’Under 15 del Monferrato Rugby, che batte 37-0 a Parabiago la squadra locale e si conferma in crescita esponenziale. Nel trionfo della “15” mete di Mauro Leggero, Federico Tapparo, Giovanni Norese, Pietro Pozzato, Luca Tibaldi, Tommaso Riva. Trasformazioni di Max Pasquetti.

Lotta ad armi pari contro il CUS e cede 19-18 la “19”, che come i torinesi ha già ottenuto il pass per il girone Elite. Partono bene i leoncini con un parziale di 6 a 0 con due calci piazzati di Carnino, concessi per falli degli avversari. Alla mezz’ora una meta di Esposito Corcione trasformata da Quiroga ci porta in vantaggio per 13 a 0. Poi i monferrini hanno un black out e il Cus cresce, portandosi sul 13 a 7 quasi allo scadere del primo tempo.
Alla ripresa il Cus si porta in vantaggio con un’altra meta, che vale il 13 a 14. Un passaggio troppo lungo nei nostri 22 metri permette l’intercetto e la meta del team torinese che allunga, 13 a 19. A due minuti dalla fine meta astigiana con ripetuti pick and go che danno la possibilità di aprire la palla e segnare al centro con Caltanella, ma la trasformazione purtroppo prende il palo. Perdiamo di misura 18 a 19, ma bravi i ragazzi a saper reagire. Ora lunga pausa fino a gennaio nell’attesa del girone élite.