Quantcast

La Pallavolo Valle Belbo più forte delle avversità, battuto il Chisola nonostante l’infortunio della capitana Bonanate

Ci vuole una grande personalità per rimanere concentrate e portare a casa un match tutt’altro che facile, soprattutto, quando la propria capitana viene a mancare a causa di un infortunio; e la Pallavolo Valle Belbo Cime Careddu Reale Mutua Bosca ha mostrato eccome il proprio carattere nell’insidiosa trasferta di Candiolo contro il Chisola Volley.

La squadra gialloblù è riuscita a trionfare ancora per 3-0, nonostante il serio problema che ha colpito nel secondo set la capitana Chiara Bonanate: durante uno stacco in attacco, la numero 10 ha avvertito un fortissima fitta all’altezza del tendine d’Achille e ha chiesto immediatamente il cambio. Sin da subito si è temuto un infortunio molto serio ma gli esami svolti successivamente hanno, fortunatamente, escluso una lesione del tendine, evidenziando “solamente” una distrazione della fascia plantare, che probabilmente la terrà lontano dal campo fino all’inizio dell’anno nuovo. A lei va ovviamente un enorme in bocca al lupo per una pronta guarigione.

Questa notizia negativa deve fare i conti però con altre tante notizie positive: le spumantiere vincono ancora e confermano la prima posizione in classifica nel girone C di Serie D regionale, grazie a una prestazione sensazionale delle sue trascinatrici, Irene Brusaschetto e Arianna Ghignone; in due hanno fruttato per la PVB la bellezza di 35 punti in tre set: 20 per la centrale astigiana, 15 per l’opposto di Nizza Monferrato, che hanno permesso alla PVB di passare indenne una delle trasferte più ostiche del girone.

I PARZIALI
Primo set
A inizio partita è il Chisola Volley a trovare il primo mini-break della partita sul 5-3. Canelli, però, non ci sta e Brusaschetto con un grande muro impatta immediatamente la parità. L’equilibrio continua per parecchi scambi, con grandi attacchi ma anche qualche errore da parte di entrambe le squadre. Le padrone di casa iniziano a faticare un po’ in fase offensiva con il libero gialloblù Ghiazza che è sempre molto attento e permette a Gallesio di servire le proprie schiacciatrici.
Il coach di casa Torrasa è obbligato a fermare il gioco e chiama time-out sul 11-8. Il ritmo della PVB viene in qualche modo scombussolato, tanto che Scala e compagne pareggiano a quota 16.
Con scambi combattuti la PVB prima allunga sul 20-18 poi, concentrando al massimo le proprie forze, e soprattutto grazie a una Irene Brusaschetto praticamente immancabile dal centro della rete, va a vincere il parziale 25-19.

Secondo set
Come successo in precedenza, anche nel secondo parziale sono le torinesi a ottenere i primi punti. La linfa di Chisola, però, non trova grande seguito e in un attimo Arianna Ghignone prima in attacco e poi a muro con Ippolito pareggia i conti sul 4-4. Le gialloblù di Canelli, questa volta però, non hanno intenzione di dare spazio alle avversarie e con grandi battute di Nicole Passera allungano sul 9-5. Qui l’infortunio di capitan Bonanate obbliga i coach Risso-Domanda a fermare il gioco per apprestare le cure necessarie. Con dentro la giovane Ginevra Crema e un duro colpo psicologico da affrontare, la PVB è però bravissima a non farsi abbattere, rimanendo concentrata su ogni singolo scambio del match. La stessa Crema, entrata completamente a freddo, sia in ricezione che in attacco si fa trovare molto pronta e aumenta il gap gialloblù sul 14-9. Chisola tenta la reazione, ma Ghignone è assolutamente on-fire e non lascia scampo. Il treno gialloblù è ormai infermabile e Brusaschetto mette la ciliegina sulla torta con un attacco clamoroso nei due metri. Il tocco di seconda di Gallesio chiude 25-17 per Canelli.

Terzo set
Nel terzo e ultimo set la Valle Belbo trova il primo allungo sul 10-6. Francesca Gallesio, in regia, è brava a insistere sulle giocatrici più in forma, come Ghignone e Brusaschetto, che quando servite trovano continuamente punti. Il vantaggio spumantiero di quattro punti viene mantenute grazie a buone fasi di cambio-palla, fino a quando al servizio arriva la numero 5 Porro, schiacciatrice di casa, che inizia a mettere in difficoltà una ricezione fino ad ora praticamente perfetta. Il grande muro torinese, l’unico della gara, porta addirittura Chisola sul +2 a 18-16. Da qui il match diventa bellissimo, ogni pallone ha un’importanza fondamentale, e nessuna delle squadre ha intenzione di mollare. È Chisola ad avere il set-point sul 24-23, ma il time-out ferma il gioco. Brusaschetto non trema e pareggia, così come Passera nella chance successiva. Il mani-fuori di Ghignone e l’errore avversario consacrano una gran bella vittoria gialloblù, arrivata dopo un match non semplice, soprattutto al termine di un terzo set molto combattuto.
I premi di migliori del match vanno sicuramente alla centrale Irene Brusaschetto (20 punti) e all’opposto Arianna Ghignone (15 punti), ma vanno rimarcate in maniera positiva le prestazioni di Ghiazza, Passera e Crema nella fase di ricezione, un fondamentale di gioco che non salta spesso agli occhi ma che risulta vitale per sviluppare il gioco in attacco.

La Pallavolo Valle Belbo tornerà in casa a Canelli, sabato prossimo 18 dicembre alle ore 18:30, in un match molto intrigante contro il Pianezza Volley, terzo in classifica.
Tifosi canellesi vi aspettiamo numerosi per sostenere le nostre ragazze!

CHISOLA VOLLEY – PVB CIME CAREDDU REALE MUTUA BOSCA (19-25, 17-25, 25-27)
PVB CIME CAREDDU REALE MUTUA BOSCA: 1 GHIGNONE ARIANNA (15 pt.) – 3 BRUSASCHETTO IRENE (20 pt.) – 4 TARABBIO DIANA – 5 SCAVINO GIORGIA – 6 GHIAZZA LUCIA (L1) – 7 RIVELLO ALICE (n.e) – 8 PASSERA NICOLE (7 pt.) – 12 GALLESIO FRANCESCA (3 pt.) – 10 BONANATE CHIARA (4 pt.) — 13 CREMA GINEVRA (3 pt.) —17 PAVESE MATILDE (n.e.) – 18 MORDENTI CECILIA (L2) (n.e.) – 19 IPPOLITO ELEONORA (6 pt.) All. CRISTIANO DOMANDA Assistente All. MATTEO RISSO