Quantcast

Rally Ronde Colli del Monferrato 2021: Gagliasso vince a Moncalvo, ma Verna è ad un solo decimo! fotogallery

Azzardano nelle fasi iniziali, controllano i tanti avversari e festeggiano in Piazza Garibaldi. Così si è scritto sulle sinuose, e sporche, strade monferrine che ritrovano la Ronde Colli del Monferrato e la prova speciale di Castelletto Merli, attesa ed apprezzata per i punti spettacolari. Patrick Gagliasso e Dario Beltramo hanno vinto l’edizione numero ventiquattro a bordo della Skoda Fabia R5 della Roger Tuning di Castellero. Regolati in tanti, ad iniziare dall’astigiano Luca Cantamessa, favorito della vigilia, e Gianluca Verna, sempre pericoloso nella zona ed autore di un finale da brividi valso il secondo posto per un solo decimo.

Gagliasso ha subito giocato le carta delle gomme morbide e con poco intaglio, un azzardo, che ha però reso la vettura ceca veloce e composta sull’asfalto umido, tanto da vincere il primo passaggio davanti a Verna di due secondi e di sette su Cantamessa, entrambi con gomme da bagnato. Gagliasso lasciava poi il secondo crono al monferrino della VM Motor Team e andava a difendere la leadership nel terzo, quando si assisteva al colpo di reni degli astigiani Loris Ronzano e Gloria Andreis, sempre su Skoda.

Finale al cardiopalma con Verna e Ceschino che forzano e tengono nuovamente dietro Gagliasso, ma non basta, il pilota di Poirino si regala una delle tante vittorie a bordo della vettura ceca, un binomio davvero azzeccato. Chiude il podio Cantaluka che festeggia duecento gare, un traguardo importante, sul sedile di destra la moncalvese Lisa Bollito. Su quest’ultimi, e su altri, ha pesato forse il poco allenamento, le vetture di classe R5 o meglio Rally2 richiedono molta preparazione per la prestazione massima, questo il nostro augurio per rivederli presto all’opera visto che il piatto offerto dalla Ronde Colli del Monferrato è stato comunque ricco. Bravo anche Riccardo Lopes navigato da Stefano Mazzetto, forse i più spettacolari della corsa astigiana.
Bello il capitolo delle più piccole con la Renault Clio R3C dei cuneesi Giordano e Siragusa che si arrampica fino al nono posto assoluto, poi il solido Becuti, il lombardo Bosetti che conosce il Monferrato e Silvio Barberis, autore di grandi passaggi sulla piccola Peugeot 106 N2.

Moncalvo ha rispolverato una prova speciale che la tocca nel vivo, percorsa in tantissime edizioni, in vari Rallies, e nuovamente seguitissima dal pubblico, il clou alla gloriosa Zeta, una doppia inversione meta di appassionati.