Quantcast

Montechiaro mette la freccia, Vignale accorcia e Montemagno è quarto. Contentino Casa Paletti

Tra partite senza storia e incroci al vertice si presentano sul rettilineo finale le otto sorelle della Serie A dei bastioni. La regular season, infatti, ad una sola giornata dal termine ha espresso proprio questo weekend i suoi verdetti principali: Montechiaro, Grazzano, Vignale e Montemagno sono le quattro compagini che, a partire da domenica 12 settembre, si contenderanno il titolo del “muro”. Decisivo per i biancorossi di coach Costanzo il successo casalingo ai danni di Portacomaro, che assicura a Montemagno il quarto gradino della graduatoria. Tutto da decidere invece il podio con i nodi che verranno al pettine solo dopo la bandiera a scacchi di domenica prossima.

Quattro su quattro in casa, come non accadeva dalla 5° di campionato (ultima e unica volta): questo il biglietto da visita della sesta di ritorno che ha portato molti degli appassionati di tamburello all’ombra del “Beppe Tirone”. Si chiude 19-15 a favore dei biancoazzurri lo scontro ad alta quota tra due squadre decisamente in salute e già da qualche settimana alle prove generali in vista degli impegni che più conteranno.

Nel frattempo, con campanilismi di mezzo e qualche ex Moncalvo tra le fila del sodalizio di Marcanzin, non hanno di certo avuto il braccino l’ex Arrobio e compagni che confermano l’imbattibilità casalinga stagionale infilando la settima affermazione consecutiva del loro torneo: un girone intero senza perdere. Fronte Grazzano, ko decisamente indolore dopo una prova generosa per i ragazzi guidati da Fabiano Penna con Belvisotti tornato sul campo che lo ha visto crescere. Gli aleramici, per larghi tratti della gara al comando e raggiunti solo sul 13-13, si sono visti superare al fotofinish.

È ancora una volta “Piazza Umberto I” a regalare grandi soddisfazioni alla truppa di Giancarlo Marostica. Dopo il sapore dolce del Ruchè ritirato mercoledì scorso al ritorno da Castell’Alfero, può stappare capitan Massimo Savio avendo matematicamente tagliato il traguardo “semifinali” in un’annata per i suoi fatta di grandi prestazioni ed alcuni passaggi a vuoto. Vittima sacrificale il team dell’ex Matteo Bertone che ha provato, con i suoi mezzi e fino all’8-4, a mettere i bastoni tra le ruote senza riuscirci ad un avversario oggettivamente di caratura superiore: ultima chiamata l’ostacolo Calliano per togliere quel “2” dalla classifica che da troppo tempo accompagna i biancoverdi portacomaresi.

Maschio e soci senza problemi sul Calliano: 19-5 il punteggio finale in un match palesemente condizionato dalla diversa attitudine mentale dei due quintetti. Una squadra, quella giallonera, sempre orgogliosa e decisa a ben figurare ogni qualvolta scende sulla terra rossa del “Cesare Porro” approfittando dello scivolone di una delle capolista nel big match di giornata; l’altra, quella biancoblu, priva di linfa vitale dopo la caduta infrasettimanale che aveva virtualmente compromesso l’accesso alla post season. Ex della partita il grazzanese ora “alessandrino” Mirko Monzeglio.

Sul velluto anche Casa Paletti che sulla spianata del “Beretta” asfalta Castell’Alfero 19-2. Come si evince dal risultato, gara che non c’è stata per differenza di motivazioni (come sopra) ma anche probabilmente con l’aggravante condizione fisica: ad una batosta per 19-2 arrivata su “Piazza Cotti” per i tonchesi, rispondeva il club alferese arrivato da un estenuante 17-19 solo 4 giorni prima. Ciò non toglie la risposta di carattere che Artuffo e compagni hanno saputo offrire dopo le delusioni degli ultimi turni, chiudendo la contesa in poco più di un’ora e mezza con soli due giochi conquistati dopo la pallina del 40 pari.

I RISULTATI
SERIE A
TREDICESIMA GIORNATA
Casa Paletti-Castell’Alfero 19-2
Montechiaro-Grazzano 19-15
Montemagno-Portacomaro 19-9
Vignale-Calliano 19-5
CLASSIFICA: Montechiaro 22, Grazzano, Vignale 20, Montemagno 15, Casa Paletti 11, Calliano 10, Castell’Alfero 4, Portacomaro 2