Quantcast

L’Asd Asti aderisce al Progetto RETE! promossa dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio

Nell’ambito delle attività legate al tema dell’integrazione, la Federazione Italiana Giuoco Calcio, attraverso il Settore Giovanile e Scolastico, in condivisione con il Ministero degli Interni
e con il supporto dei partner Eni e Puma, dal 2015 ha sviluppato il Progetto RETE!, un’iniziativa rivolta ai ragazzi accolti nei Progetti SPRAR/SIPROIMI (Sistema di Protezione per Richiedenti
Asilo e Rifugiati) presenti in tutto il territorio nazionale, per promuovere e favorire l’interazione tra pari e i processi di inclusione sociale ed interculturale tramite il calcio.

OBIETTIVI
– Favorire i processi di inclusione attraverso il calcio;
– Promuovere comportamenti eticamente corretti attraverso l’educazione ai valori utilizzando l’attività sportiva come modello per la società civile;
– Migliorare la comprensione dell’importanza dell’attività fisica e del suo impatto positivo sulla salute e sullo sviluppo sociale;
– Creazione di un modello di integrazione attraverso la partecipazione di giovani italiani e stranieri in squadre miste.

La Società A.S.D. ASTI ha aderito all’iniziativa promossa dalla FIGC e partecipa con una rappresentanza di propri tesserati alla fase regionale, che vede ai nastri di partenza anche le
compagini Casale e Settimo Torinese.
Mercoledì 9 giugno alle 15, tutti gli atleti della formazione, guidati dal tecnico Marco Paracchino, si troveranno allo Stadio per poi trasferirsi sul campo sintetico “Scirea” dove si
svolgerà una seduta di allenamento, in vista della partita ufficiale del 13 giugno a Casale Monferrato contro i pari locali.
La vincente della fase piemontese proseguirà il cammino nazionale.
Al raduno astigiano presenzierà il responsabile regionale del Progetto Sig. Sacco.

Più informazioni su