Quantcast

Casa Paletti ferma la marcia della capolista Grazzano al termine di una sfida spettacolare

Casa Paletti come il dr. Jeckill e mr. Hyde. Sei giorni fa a Calliano un quasi inguardabile mr. Hyde e ieri contro la capolista Grazzano uno straordinario dr. Jeckill.

In quello che probabilmente è stato il confronto di maggior tasso tecnico di questa prima parte di campionato che ha offerto una lunga serie di giocate di altissima qualità da una parte e dall’altra con applausi a scena aperta per i dieci in campo, la squadra di casa ha messo in mostra tutte le qualità di cui è dotata, rimaste però finora del tutto nascoste.

Con un fondo campo di estrema solidità (Gerbi straordinario per almeno tre quarti di partita) ed un Matteo Forno in mezzo finalmente preciso e giustamente cattivo, Casa Paletti, che aveva dovuto rinunciare allo squalificato Paolo Artuffo, ha affrontato a viso aperto la corazzata Grazzano, giocando alla pari per i primi novanta minuti e prendendo poi progressivamente il largo grazie anche ad un calo di concentrazione degli avversari dove il solo Marletto ha lottato fino alla fine come un leone, mentre Fracchia e Belvisotti incappavano in numero sempre maggiore di falli.

Casa Paletti è scesa in campo con Gerbi, Ulla, Forno, Mohan e Accomazzo, sostituito dopo poco più di mezzora di gioco per un incidente fortunatamente senza gravi conseguenze da Bella. Grazzano ha schierato Fracchia, Marletto, Belvisotti, Andrin e Gatti, sostituito sull’8/6 per i padroni di casa, da Zitti.

CASA PALETTI – GRAZZANO 19-13
2/1 – 3/3 – 4/5 – 7/5 – 9/6 – 10/8 – 13/8 – 15/9 – 16/11 – 18/12 – 19/13

40 pari: 10 di cui 6 per Casa Paletti e 4 per il Grazzano