Quantcast

Eccellenza: l’Asti non è bello ma balla. Gli uomini di Montanarelli continuano il loro percorso perfetto

Poteva sembrare una partita facile alla vigilia, ma come dimostrano i risultati di questa sesta giornata di Eccellenza, nulla può essere dato per scontato in un campionato così atipico. I galletti nelle prime fasi fanno fatica a trovare le geometrie di Lanfranco, ben schermato a turno dagli avanti della Cbs e sono obbligati a portare palla subito sulle corsie laterali, dove Masoello e Picone fanno il bello e il cattivo tempo. La prima occasione è per gli ospiti con il solito Barrella – autore delle uniche due reti stagionali dei suoi – che mette una palla insidiosa nell’area astigiana, i difensori fanno buona guardia. L’Asti, però, quando affonda fa male, come al 10° minuto: sull’out di sinistra Picone è lesto a superare il suo diretto avversario e premiare l’inserimento di Masoello, il quale viene atterrato da dietro. Sarebbe rigore, ma nel tentativo di spazzare via il pallone, Bregaj ribatte dentro la sua porta per uno sfortunato autogoal. E’ 1-0 Asti. I giocatori di Miles Renzi fanno fatica a reagire allo sfortunato evento, con i padroni di casa, invece, in costante proiezione offensiva, senza però trovare il raddoppio. Per 20 minuti succede poco o nulla: solo una punizione di Beppe Picone su cui è attento il classe 2002 Marina, e la risposta Cbs con la conclusione di Nania, dove viene chiamato per la prima volta in causa Capitan Brustolin. L’occasione più ghiotta per il 2-0 capita sul vellutato destro di Masoello: la sua parabola meriterebbe sorte migliore, invece scheggia la parte alta della traversa e finisce sul fondo. La seconda marcatura per Di Savino e compagni è nell’aria. L’episodio giunge al 41°: Picone si fionda sul pallone in area di rigore e Ricci fa fallo. Un penalty generoso come detto anche da Mister Montanarelli in sala stampa, ma la decisione è ormai presa: sul dischetto si presenta Piana che non fallisce. Quinto sigillo in altrettante gare per il bomber ex Castellazzo. Si va all’intervallo sul 2-0 Asti tra le proteste ospiti, ancora perplessi per il rigore concesso dall’arbitro Admir Azizi della sezione di Nichelino.

Nella ripresa è ancora la capolista a condurre le danze. I ragazzi astigiani tentano nei primi minuti di trovare la rete del 3-0 , è però bravo Marina a tenere in vita i suoi. Nulla può, però, sull’ottima schema su punizione architettato dall’Asti: Masoello aspetta lo sganciamento di Picone dal diretto marcatore, e di prima intenzione calcia un siluro che finisce sotto l’incrocio. Gli ospiti provano a giocare, gliene va dato atto, ma i biancorossi (per l’occasione in tenuta grigia e gialla) sono in una forma fisica e mentale straripanti e spingono per cercare la quarta rete. La differenza la fa sempre Picone sulla sinistra, con Bara che non riesce a contrastarlo: nel giro di pochi minuti l’esterno ex Alessandria e Paganese mette palla in mezzo per ben due volte, ma né Piana né il neoentrato Vergnano riescono ad insaccare a pochi metri dalla porta. L’ultimo quarto di gara vede uscire dal guscio il Cbs. La ricompensa è il goal del 3-1: Barrella è perfetto nell’eludere l’intervento di due giocatori dell’Asti e toccare per Messineo, il quale batte Brustolin con un tiro a fil di palo. Si interrompe così l’imbattibilità di 432 minuti del capitano del sodalizio di Via Ugo Foscolo. I ragazzi di Miles Renzi sono bravi a provarci fino alla fine, sfruttando la fase di rilassamento permanente dei padroni di casa. E’ Culotta a provarci con un tiro a giro che esce di poco oltre il palo alla sinistra di Brustolin. Succede poco altro negli ultimi minuti di match. Al fischio finale Asti batte Cbs 3-1.

Il risultato premia l’Asti, apparso forse meno bello rispetto alle precedenti uscite, ma pur sempre implacabile e dotata di un killer instinct micidiale. D’altro canto vanno fatti i complimenti alla buonissima prova dei ragazzi di Miles Renzi, una squadra che ieri tra le sue fila annoverava 7 under (quattro 2002 e tre 2001), ma che ha creato diversi grattacapi alla prima della classe, non snaturandosi mai dai propri principi. Anche la classifica, alla fine della partita sorride ai galletti, grazie ai risultati che arrivano dagli altri campi: il Canelli si fa bloccare sull’1-1 dal Giovanile Centallo, mentre il Chisola perde 0-3 in casa contro l’Olmo. Ora il vantaggio sulle compagini di Gardano e Meloni è di +4; avanza invece il Corneliano (una partita in più), vittorioso 1-0 in casa contro il Castellazzo: i roerini si trovano a sole due lunghezze dietro alla capolista.

 

 

ASTI-CBS 3-1

RETI: 11′ aut. Bregaji (C), 42′ rig. Piana (A), 8′ st Picone (A), 28′ st Messineo (C).
ASTI (4-2-3-1): Brustolin, Marchetti (18′ st Ottone), Orlando, Lanfranco, Di Savino, Ciletta, Picone (41′ st Kerroumi), Toma (15′ st Hotaj), Plado (1′ st Vergnano), Masoello Perlino, Piana (44′ st Bandirola) A disp. Bertoglio, Feraru, Favale, Silvestri. All. Montanarelli.
CBS (4-3-1-2): Marina, Bara, Ferrero, Ferrarese, Ricci, Bregaji (20′ st Cacaci), Nania (14′ st Messineo), Chiazzolino, Culotta (40′ st Torrero), Barrella, Tine (45′ st Mele). A disp. Coscarelli, Ricchini, Frattoloni, Principalli. All. Renzi.
ARBITRO: Azizi di Nichelino.
COLLABORATORI: Songia di Bra e Pizzonia di Bra.
AMMONITI: 45′ Bara (C), 9′ st Orlando (A), 42′ st Ferrarese (C).

 

Mister Davide Montanarelli (ASTI): “Oggi non era facile, bravi i ragazzi della Cbs a bloccarci diverse soluzioni, soprattutto quella del fraseggio centrale. Questa vittoria è un altro tassello messo verso il nostro obiettivo, quindi vanno fatti i complimenti ai miei ragazzi per essere riusciti a saper soffrire da squadra nei momenti difficili. Unico neo di giornata è il goal subito. Il vantaggio a cinque giornate dalla fine è buono, ma noi non dobbiamo guardare gli altri, bensì alle nostre prestazioni. Ora testa alla difficile trasferta di Castellazzo Bormida”.

Mister Miles Renzi (CBS): “Sono contento della prestazione dei ragazzi, abbiamo tanti giovani e stiamo gettando le basi per un futuro solido. Complimenti all’Asti perché ha meritato, sono più forti. Auguro a Davide Montanarelli che conosco e stimo, e a tutti i suoi ragazzi, di raggiungere il loro obiettivo”.

Matteo Di Savino (difensore ASTI): “Ormai si tende a dare per scontate le nostre vittorie, ma la verità è che le partite vanno giocate e non c’è mai nulla di scritto. Da difensore spiace per il goal, però era impensabile tenere la porta inviolata per 10 partite. Dobbiamo continuare così e non mollare di un centimetro”.

 

Eccellenza Girone B
Risultati 6a giornata
Asti-CBS Scuola Calcio 3-1
Chisola-Olmo 0-3
Corneliano Roero-Castellazzo Bormida 1-0
Giovanile Centallo-Canelli SDS 1922 1-1
Pro Dronero-Acqui F.C. 1-0
Riposa Albese
Classifica: Asti* 15, Corneliano Roero 13, Chisola 11, Canelli SDS* 11, Pro Dronero* 8, Olmo* 7, Castellazzo Bormida* 6, Albese*, Giovanile Centallo 5, Acqui, Cbs Scuola Calcio 1.

*una partita in meno per turno di riposo