Quantcast

Eccellenza: l’Asti cala il tris contro l’Albese e rimane a punteggio pieno in classifica

L’Asti continua la sua corsa inarrestabile in campionato, travolgendo per 3-0 un Albese mai realmente in partita, se non per i primissimi minuti del secondo tempo, in cui, però, gli ospiti si sono scontrati con il muro opposto da Silvio Brustolin.

Il match si apriva con le due squadre che viaggiavano a ritmi alti con ribaltamenti da una parte all’altra. L’Albese si rendeva pericolosa su calcio piazzato, ma l’Asti dimostrava maggiore pericolosità con il tridente Picone – Piana- Masoello. Proprio quest’ultimo veniva ammonito per simulazione al 14° dopo una situazione dubbia in area cuneese. Al 35° l’episodio che cambia il corso degli eventi: Piana è abile a proteggere palla e a farsi atterrare da Rosso. Per l’arbitro non ci sono dubbi: calcio di rigore. Sul dischetto si presenta Beppe Picone che non sbaglia: 1-0 Asti. Gli ultimi 10′ del primo tempo potrebbero portare a referto altre tre reti per gli astigiani, ma il baby portiere classe 2003, Giaccardi sale in cattedra e dice di no a Piana (per due volte) e Masoello. Prima dell’intervallo timida reazione per i biancoazzurri di Mister Perlo: Mascolo prova la girata, che però esce debole e centrale, Brustolin risponde presente.

Nella ripresa l’Albese parte forte nel tentativo di sorprendere l’Asti. Al 3° Silvestri scivola nel rinviare un pallone, ne approfitta Mascolo che si invola verso la porta, ma il duello di nervi lo vince Brustolin, che lo ipnotizza con un intervento miracoloso. Una grande squadra sa però come capovolgere le situazioni di difficoltà in situazioni di vantaggio, e l’Asti quest’anno ne è davvero capace. Infatti dopo neanche 3′ i galletti raddoppiano: Picone galoppa sulla fascia destra e offre un cioccolatino che Plado deve solo scartare. Al 6° è 2-0 Asti. Il tris arriva al 9°: questa volta è Masoello ad entrare nel tabellino dei marcatori. Le velleità di rimonta dei ragazzi di Perlo si spengono definitivamente, e la partita non offre più occasioni degne di nota.

Asti e Canelli appaiono al momento come le squadre più attrezzate per la promozione in Serie D: stesso numero di reti fatte, entrambe con la porta ancora a 0.Il match di domenica 30 maggio allo Stadio “Censin Bosia” assume sempre più i toni di una finalissima. Le emozioni di questo campionato di Eccellenza 2.0 sono appena cominciate.

 

ASTI-ALBESE 3-0
RETI: 37° rig. Picone (As), 6° st Plado (As), 9° st Masoello Perlino (As).
ASTI: Brustolin, Marchetti (29° st Ciletta ), Ottone (35° st Hotaj), Lanfranco, Di Savino, Silvestri, Picone (27° st Orlando), Toma, Plado (22° st Vergnano), Masoello Perlino, Piana (40° st Bandirola). A disp. Iunissi, Sinisi, Kerroumi, Thiao. All. Montanarelli.
ALBESE: Giaccardi, Pia (1′ st Di Marco), Garis (29° st Bertoglio), Prizio, Rosso, Bergesio, Rossetto (41° st Meti), Begolo, Mascolo, Delpiano, Atomei (22° st Ba). A disp. Bonofiglio, Benna, Bosio, Cerutti, Bosco. All. Perlo.

Eccellenza girone B
Risultati 4 giornata
Asti-Albese Calcio 3-0
Chisola-Castellazzo Bormida 1-0
Corneliano Roero-Acqui F.C. 2-1
Giovanile Centallo-CBS Scuola Calcio 0-0
Olmo-Canelli SDS 1922 0-1
riposa Pro Dronero
Classifica: Chisola 10,Canelli SDS*, Asti* 9, Corneliano Roero 7, Olmo, Pro Dronero*, Albese, Giovanile Centallo 4, Castellazzo Bormida* 3, Acqui, Cbs Scuola Calcio 1.
*una partita in meno per turno di riposo

 

Mister Montanarelli nel post partita: Abbiamo sempre tenuto in controllo la partita, a parte quell’ occasione concessa all’Albese, a causa della piccola sbavatura di Silvestri, che comunque anche oggi ha confermato l’ottima prestazione di domenica a Dronero. Potevamo segnare più goal, ma va detto che il loro portiere è stato bravissimo a impedire un passivo più ampio. Sono orgoglioso di tutti i miei ragazzi, che stanno dimostrando di tenere alla causa in modo splendido. Una particolare nota di merito la vorrei dare a Lanfranco perché erano 7 mesi che non metteva piede in campo e si è comportato benissimo, soprattutto in fase difensiva. Ora testa all’Acqui, sempre con la testa rivolta al nostro obiettivo.”

Tommaso Plado, autore della seconda rete dell’Asti: “Sono felicissimo per la rete personale, ma soprattutto per la vittoria di squadra. Non era facile all’inizio, soprattutto per il caldo. Il mio goal ha probabilmente spezzato le gambe all’Albese, ed è arrivato nel momento giusto, visto che loro potevano segnare nell’azione precedente. Sappiamo che è ancora lunga, non molliamo di un centimetro”.