Quantcast

Eccellenza: il Canelli SDS fa harakiri. Il Chisola sfiora l’impresa con l’uomo in meno

Il Canelli si scioglie come neve al sole nel secondo tempo, al cospetto di un avversario – il Chisola – troppo brutto per essere vero nella prima metà di gara. Il risultato finale di 3-3 è probabilmente la chiosa più meritocratica. Le due squadre arrivavano alla quinta giornata di campionato con i ragazzi terribili di Meloni primi della classe a quota 10 punti, subito seguiti dagli astigiani – sotto di un punto ma con una partita in meno -, per via del turno di riposo già rispettato dal sodalizio di Bruno Scavino.

Il match si apre con gli spumantieri padroni del campo, mentre gli ospiti fanno fatica a rendersi pericolosi dalle parti di Zeggio Gioele. Gli uomini di Mister Gardano macinano corner su corner nei primi minuti, senza mai riuscire a bussare alla porta di Montiglio. Il primo pericolo arriva al 10°: è Testardi a preoccupare Grancitelli e compagni, ma la sua girata di testa non è precisa. La fascia destra dei padroni di casa è come un treno ad alta velocità, con l’asse Campagna – Simone che si trova ad occhi chiusi. Al 20° proprio dall’out di destra arriva un cross pennellato magistralmente da Simone, Testardi sale in cielo e incorna: è 1-0 Canelli. Il Chisola non è in campo, il Canelli si diverte e raddoppia: questa volta l’uomo assist lo fa il bomber ex Sampdoria Testardi che, defilato sulla sinistra, crossa in mezzo un pallone insidioso su cui Montiglio non è impeccabile, Zeggio N. ringrazia e sigla il 2-0 al 25°. A dieci minuti dal termine della prima frazione c’è spazio anche per il tentativo del difensore canellese Soplantai, ma la sua conclusione è spedita in corner. Prima dell’intervallo arriva anche la prima conclusione dei torinesi ad opera di Giambertone, che non impensierisce però Lumello e compagni. Germinario decide però che non è ancora il momento del duplice fischio dell’arbitro Piccoli: entrata scomposta e doppio giallo per il talentino classe 2002. Chisola che dovrà quindi affrontare tutta la ripresa in 10 uomini e con un 2-0 da recuperare.

Il secondo tempo è un dramma, sportivamente parlando. Il Canelli di colpo scompare dal terreno di gioco, difendendo inspiegabilmente il risultato, al posto di cercare il colpo del ko. I ragazzi di Meloni giocano più spensierati e con maggiore pulizia di palleggio, anche grazie al suo metronomo Davide Bordone, salito notevolmente di livello nel corso della ripresa. Al 51° minuto Ollio attacca ferocemente la profondità, supera alle spalle Lumello e incrocia per il 2-1. Il Chisola occupa il campo con maturità, corre con intelligenza e colpisce con rabbia. Il Canelli è in difficoltà e non trova le contromisure. Il 2-2 è nell’aria ed è una gemma di rara bellezza per gioco corale e finalizzazione: l’azione parte dal basso e si sviluppa con tocchi di prima precisi, la palla arriva a Menon che spara all’incrocio un missile che fa saltare di gioia la panchina ospite. Incredibile al “Don Sodano” di Rocchetta Tanaro. La squadra di casa prova ad affacciarsi nell’altra metà campo, ma è visibilmente scossa da quanto accaduto. Al 33° arrivano pure i crampi per il direttore di gara Alex Piccoli a rendere ancora più epica e fuori da ogni logica questa partita. Il periodo di sosta aiuta gli uomini di Meloni a recuperare le forze per lo sprint finale. Al 43° Lumello atterra Granata fuori area: per l’arbitro è fallo da ultimo uomo e rosso per il capitano del Canelli. Pensavate fosse finita qua? certo che no. Il suicidio calcistico degli uomini di Gardano si completa al secondo dei nove minuti concessi da Piccoli: Rizq approfitta dell’esitazione di Zeggio G. e viene atterrato dallo stesso in area di rigore. Non c’è dubbio: penalty. Dal dischetto proprio Rizq fa impazzire di gioia i tesserati del Chisola assiepati nella tribuna del “Don Sodano”. E’ 2-3. La girandola delle emozioni non è ancora terminata: dal possibile 2-4 si passa nel giro di pochi secondi ad un 3-3 insperato quanto meritato per i ragazzi di Gardano, grazie alla conclusione di Redi. Le proteste degli ospiti per un presunto fallo di Testardi in occasione della marcatura del Canelli costano la seconda espulsione per i torinesi, questa volta è Cristiano a finire anzi tempo sotto la doccia. Finisce così una partita dalle mille facce, probabilmente la più bella di questa “Eccellenza 2.0”, giocata da entrambe le squadre a livello tecnico in maniera fantastica, con colpi e pathos da categoria superiore. La certezza è che fino alla fine Canelli SDS e Chisola lotteranno per un posto in Serie D. Il campionato è più avvincente che mai.

CANELLI SDS-CHISOLA 3-3
RETI (2-0, 2-3, 3-3): 20′ Testardi (Ca), 25′ Zeggio N. (Ca), 3′ st Ollio (Ch), 14′ st Menon (Ch), 48′ st rig. Rizq (Ch), 51′ st Redi (Ca).
CANELLI SDS (4-3-3): Zeggio G., Zeggio N. (23′ st Gaetano), Porcu, Lumello, Acosta, Bosco (45′ st Todaro), Simone (29′ st Di Santo), Redi, Campagna, Soplantai, Testardi. A disp. Vassallo, Picone Chiodo, Carrese, De Simone, Dellagaren, Laneve. All. Gardano.
CHISOLA (4-3-3): Montiglio, Mazza (39′ Pairetto), Degrassi, Grancitelli (21′ st Russo L.), Bordone, Cristiano G., Ollio (29′ st Zeni), Germinario, Giambertone (41′ st Granata), Bellino A. (18′ st Rizq), Menon. A disp. Grande, Coscia, Bottale, Saponaro. All. Meloni.

Massimo Gardano (all. Canelli) nel post partita: “Sono amareggiato, così come i ragazzi, per quanto successo in campo. Il nostro primo tempo è stato ottimo, c’era solo una squadra in campo poi si è spenta la luce. Se sono due punti persi per il conseguimento del nostro obiettivo? Oggi sì, vedremo se lo sarà anche a fine campionato. Se ci sarà una squadra capace di vincere tutte le partite, le faremo i complimenti. Ora testa al match contro la Giovanile Centallo per ripartire e dimenticare quanto successo oggi”.

Marcello Meloni (all. Chisola) nel post partita: “Nel primo tempo non siamo scesi in campo e va dato grande merito al Canelli. Poi nell’intervallo ci siamo guardati in faccia e ci siamo detti cosa potevamo fare per creare pericoli. Nella seconda frazione ho visto la mia squadra ed è un peccato non aver portato a casa l’intera posta in palio. Sono fiero dei miei ragazzi, ragioniamo partita dopo partita senza porci limiti”.

Eccellenza girone B
Risultati 5a giornata
Acqui F. C.-Asti 0-3
Albese Calcio-Pro Dronero 1-1
Canelli SDS 1922-Chisola 3-3
Castellazzo Bormida-Giovanile Centallo 3-1
CBS Scuola Calcio-Corneliano Roero 1-2
Riposa Olmo
Classifica: Asti* 12, Chisola 11,Canelli SDS*, Corneliano Roero 10, Castellazzo Bormida* 6, Pro Dronero*, Albese 5, Olmo*, Giovanile Centallo 4, Acqui, Cbs Scuola Calcio 1.

*una partita in meno per turno di riposo