Quantcast

Pro Villafranca: il sodalizio di Josi Venturini lavora per il futuro

Fermi ai box in campionato, non certo per un progetto sportivo che avanza e aggiunge costantemente tasselli preziosi. In casa Pro Villafranca 1946 è tempo di mini bilancio ma anche di programmare il futuro, con alla base le certezze, come il presidente del club, Josi Venturini, e il mister, Giuseppe Bosticco, capisaldi grigiorossoblu anche in fase di allestimento della prossima annata sportiva.

Per la seconda stagione consecutiva la pandemia ha bloccato la rincorsa all’Eccellenza di Macrì e compagni: “Senza dubbio abbiamo un conto aperto con la sorte – ammette Bosticco –. Con il senno di poi l’auspicio del presidente, di conglobare la stagione 2019-2020 con quella 2020-2021, era la soluzione più giusta per dare regolarità ai campionati. La Promozione è ferma e ripartirà a settembre, mentre l’Eccellenza ha allestito un torneo ridotto, sul quale in molti, me compreso, nutrono dubbi“.

Sono convinto che alcuni sodalizi opereranno sforzi economici importanti per sostenere la partecipazione al campionato che partirà il prossimo weekend, e restiamo vigili nel valutare eventuali opportunità di ripescaggio a fine torneo, visto che è possibile che alcuni club operino per fusioni o, in alcuni casi, decidano di sospendere l’attività“, conclude il trainer campione d’Italia con il Chieri Juniores.

In casa Pro Villafranca siamo consapevoli di avere un conto aperto con la dea bendata – ammette Josi Venturini, massimo dirigente “villan’s” – ma non dobbiamo certamente rimuginare. I campionati sono stati sospesi, tuttavia per quel che riguarda la nostra società il tempo è stato prezioso per completare le migliorie al “Villa Park”. La struttura, con un terreno di gioco rimesso completamente a nuovo, sarà sempre più la nostra casa e il centro nevralgico di tutta l’attività. Ripartiremo la prossima stagione consapevoli di quanto di buono abbiamo finora costruito e desiderosi di continuare un programma di crescita con mister Bosticco. In Eccellenza giocheranno i “nostri” Bosco ed Esposito, probabilmente anche Bruno, ma contiamo di ritrovarli con noi in avvio di preparazione“.