Il mondo dello sport astigiano è in lutto: è mancato Fabrizio Cassano

Nelle prime ore di questa mattina, domenica 15 novembre, è mancato Fabrizio Cassano. Atleta poliedrico dello sport astigiano ha vissuto e realizzato molte imprese sportive.

“Fabrizio – ha ricordato Giorgio Bassignana presidente astigiano della sezione astigiana dei Veterani dello Sport che con Cassano ha diviso anni da dirigente all’Astense – è stato un grande dello sport astigiano. Un esempio per molti giovani”.
Anche Gianfranco Imerito, presidente della sezione astigiana degli Azzurri d’Italia oltre che essere Assessore alla Cultura al comune di Asti, ha voluto ricordare lo sportivo Cassano con una sua testimonianza: “Con Fabrizio ho più volte giocato a tennis sul campo della GIL dove adesso c‘è un parcheggio; è sempre stato lo sportivo per eccellenza. Eccelleva in ogni specialità. Un grande atleta, un esempio per tutti”.

fabrizio cassano

Atletica, calcio, nuoto, pallavolo, tennis ma soprattutto basket lo hanno reso famoso alle cronache sportive dello sport astigiano. Il basket era la sua passione e ne ha vissuto tutte le fasi da giocatore; ha militato in tutte le categorie in cui hanno preso parte le squadre astigiane. Astense, la più amata, e poi Sali &Tabacchi e ancora la pallavolo, il tennis, il calcio, il nuoto. Una curiosità sportiva: da giocatore di tennis ha avuto come avversari atleti famosi nel basket che hanno giocato ad Asti nella Saclà come Andrea Ravalico e Ivano Maraschio.

Fabrizio Cassano era nato ad Asti il 29 dicembre del 1956 ed ha concluso la sua attività sportiva come allenatore nella Sandambasket. Lascia la compagna Elisabetta, la figlia Giulia e una nipotina Matilde.

Nella foto: Fabrizio Cassano con la canottiera dell’Astense Sali & Tabacchi in prima fila con il numero 4.

Più informazioni su