La New Asti Skating Banca di Asti sospende gli allenamenti per tutelare la salute dei propri atleti

L’A.s.d New Asti Skating Banca di Asti ha scelto di sospendere gli allenamenti di tutti i propri tesserati fino al 24 novembre p.v. anche se l’impianto Jona di via Genova ad Asti verrà riaperto a partire da lunedì prossimo, come da comunicazione dell’Ufficio Sport di Asti.

L’impianto sarà aperto in seguito ad una discutibile interpretazione da parte della FISR secondo cui, “gli allenamenti delle categorie agonistiche possono proseguire per tutte le specialità nel rispetto del protocollo federale solo e esclusivamente per gli atleti in preparazione dei campionati regionali in quanto qualificanti per i prossimi Campionati Nazionali.”
Sempre secondo la FISR sono inoltre possibili gli allenamenti per i tesserati per cui è possibile la partecipazione delle competizioni previste dalla FISR: non solo i Campionati Italiani, tra cui anche quelli per le Coppie e per i Gruppi Spettacolo, ma anche il Trofeo delle Regioni Singolo – Coppie Artistico – Coppie Danza – Solo Dance, e diversi Trofei Nazionali assoluti e giovanili.

Con il termine “di interesse nazionale”, secondo il tecnico Lidia Nargi e tutta la dirigenza della New Asti Skating, così come per la maggior parte delle Federazioni italiane, si intende un atleta convocabile in Nazionale con possibilità di partecipazione ad eventi CIO (Comitato Internazionale Olimpico), e non chi si deve allenare per la partecipazione a gare regionali di qualificazione per manifestazioni “riconosciute di interesse nazionale”.

In questo modo, sarà permesso di ritornare ad allenarsi ad atleti di tutte le età, dai più piccoli, nati dal 2015 e precedenti, ai più grandi, anche agli studenti delle scuole superiori, proprio di quelle scuole che da lunedì in Piemonte adotteranno la didattica a distanza. Inoltre, questa interpretazione permetterebbe anche alle coppie e ai Gruppi Spettacolo di tornare ad allenarsi normalmente, bypassando le limitazioni previste per gli sport di contatto.

La New Asti Skating, in questi mesi, ha adempiuto a tutte le prescrizioni richieste, sostenendo spese per gel, alcool, igienizzazioni programmate, mascherine, guanti, termometri, dedicando tutto il tempo necessario per garantire la sicurezza a tutti, facendo forse anche di più di quanto previsto dalla legge.

Ma riconoscendo prima di tutto il ruolo educativo che svolge e la responsabilità verso i propri tesserati, la New Asti Skating eticamente non condivide l’interpretazione forzata fornita dalla FISR che permette sì agli atleti agonisti di tornare ad allenarsi, ma che non rispecchia l’intento del DPCM del 24 ottobre, emanato con l’obiettivo di limitare i contatti, per permettere al nostro Paese, e quindi anche a tutto il mondo sportivo italiano, di superare questo momento, seppur con grandi sacrifici, per poter tornare presto a stare insieme in pista, per poter ritornare a sognare. In casa New Asti Skating grazie alla magia dei pattini a rotelle.