Terza vittoria di classe consecutiva per Vincenzo Torchio al Rally di Alba

Ritorno in gara positivo per il pilota di Celle Enomondo, affiancato dal navigatore Mauro Carlevero, che conquista la sua terza vittoria di classe consecutiva nel rally albese, oltre a un’ottima 43esima piazza assoluta, con la Citroën Saxo curata da Massimo Gianuzzi per i colori della scuderia astigiana Eurospeed

“Ero proprio contento di tornare a correre. Sia per sentire l’adrenalina delle prove speciali, sia perché ad Alba ricominciava il confronto con ‘Lello Power’ un pilota con cui mi sono confrontato durante lo scorso anno. Peccato che si sia ritirato prima del tempo, perché la battaglia era aperta”. Se vogliamo cominciare descrivendo le delusioni di Vincenzo Torchio, affiancato da Mauro Carlevero, il ritiro di “Lello Power” è l’unico disappunto vissuto dall’equipaggio portacolori della scuderia astigiana Eurospeed.

Al volante della Citroën Saxo VTS curata da Massimo Gianuzzi (nella foto credit Elio Magnano), l’equipaggio astigiano ha ripetuto il positivo risultato dello scorso anno, vincendo la Classe A6, terminando la gara in 43esima posizione assoluta, ottimo traguardo considerando i 155 partenti, quaranta dei quali su vetture quattro ruote motrici con almeno 150 cavalli in più della Saxo. La gara, però, era iniziata con il brivido con Torchio-Carlevero, che sulla prima prova speciale, pagano 5”5 a “Lello Power” e sulla successiva Lovera ne perdono altri 6”3 complice una piccola scivolata su una chiazza di viscido e un ‘colpo di tosse’ della Saxo. I due astigiani, però sono tranquilli e fiduciosi e si preparano a dare l’assalto alla leadership del pilota novarese, staccando un ottimo 50° tempo assoluto, quando a fine prova scoprono che il loro avversario ha dovuto abbandonare.

Dopo appena tre prove Torchio-Carlevero si ritrovano con oltre 50” sul più vicino degli avversari in Classe A6 e cambiano strategia di gara. “Da quel momento abbiamo preso molti meno rischi, ma testato tutte quelle regolazioni che saranno utili per le prossime uscite e che avevamo lasciato ferme dopo il Como dell’autunno scorso, ultima gara da noi disputata”. I portacolori dell’Eurospeed vincono due delle tre prove del passaggio successivo, lasciando agli avversari solo la Niella-Bossolasco e per un appena decimo; ma ormai la classifica è una formalità visto che il vantaggio Micheloni-Antonelli è salito a 1’12” e con la stessa filosofia Torchio-Carlevero proseguono serenamente la loro gara per il terzo giro, dopo essersi confrontati in assistenza con il preparatore Massimo Gianuzzi sulle impostazioni tecniche da seguire, vincendo ancora tutte le prove speciali e arrivando così alla pedana di arrivo di Alba in 43esima posizione assoluta, vincitori della Classe A6 con 1’28 sugli inseguitori.

“Dopo il ritiro di Lello Power non aveva senso andarci a cercare grane, visto che il nostro passo era più veloce degli avversari in Classe A6; perciò non abbiamo corso rischi, pensando già alla prossima gara, il Città di Torino dei primi di settembre. Abbiamo centrato anche la seconda piazza nella classifica di Secondo Raggruppamento di Michelin Zone Rally Cup, ma siamo partiti svantaggiati, dovendo competere con un equipaggio al volante di una Peugeot 208 R2B, vettura più potente e prestazionale della nostra Saxo che appartiene alla Classe A6. Comunque sono contento di com’è andata la gara. Alba per me è un rally fortunato. In quattro partecipazioni sono sempre salito sul podio di Classe e nelle ultime tre edizioni la Classe l’ho sempre vinta” afferma Torchio, che ormai ha già la mente al prossimo appuntamento al Città di Torino.