Udinese-Juventus: sfida dei numeri 10 tra De Paul e Dybala

Più informazioni su

    Mancano pochissime partite alla fine di questa edizione della Serie A e lo scudetto finirà ancora una volta nelle mani della Juventus. I bianconeri, però, dovranno superare ancora qualche ostacolo prima di lasciarsi andare ai festeggiamenti e nelle prossime partite dovranno ottenere i 3 punti. Il calendario prevede anche un incontro con l’Udinese, in programma il 23 luglio. La Supercoppa di Doha e la Coppa Italia perse da Szczesny, Bonucci & co. bruciano ancora, quindi per nessun motivo sarà consentito snobbare gli impegni finali in campionato.

    La stagione dell’Udinese è partita con la conferma di Igor Tudor in panchina, tuttavia dall’11ª giornata il mister è stato sostituito ad interim dal vice Luca Gotti, collaboratore tecnico di Maurizio Sarri al Chelsea vincitore dell’Europa League. Per 6 mesi i friulani sono rimasti a secco di vittorie prima di strapazzare la Roma all’Olimpico in una calda serata di inizio luglio. L’obiettivo dell’Udinese non può che essere la salvezza. I tempi di Di Natale e Quagliarella ormai sono andati e il valore della rosa non è eccelso. Al contempo, la miniera dei Pozzo sembra essersi esaurita. Da diverso tempo, infatti, l’Udinese non riesce più a sfornare quei gioiellini come Sanchez, Muriel e Inler utili per riempire sia il cuore dei tifosi sia le casse della società. Anche il numero 10 Rodrigo De Paul, per quanto talentuoso, non ha mai impressionato più di tanto. Ad ogni buon conto, in questo momento della stagione l’Udinese rappresenta un avversario di degno rispetto per qualunque avversaria.

    La Juventus ha conosciuto un rendimento altalenante negli ultimi tempi, ma oltre che su Cristiano Ronaldo può contare sulla classe di Paulo Dybala. Argentino e numero 10 proprio come De Paul, la “Joya” era sul piede di partenza un anno fa, poi è riuscito a riconfermarsi guadagnandosi la stima del sopraggiunto Sarri. A Torino non si è mai visto il bel gioco proposto dal tecnico a Napoli e sono tante le critiche nei confronti dell’allenatore, ma per il momento non si parla di un cambio di panchina.

    Gli ultimi precedenti sono tutti a favore della Juve. Contando anche la Coppa Italia, è da 7 partite che a Torino si festeggia un successo contro l’Udinese. L’ultima gioia dei friulani contro la Juventus risale all’inizio del campionato 2015/2016: pochi mesi dopo la finale di Champions persa contro il Barcellona, la squadra di Allegri iniziò malissimo la stagione, che culminò però con una rimonta ai danni del Napoli. Da allora non ha mai rischiato così tanto per il titolo nazionale.

    La partita tra Udinese e Juventus vedrà affrontarsi quindi due formazioni molto distanti in classifica, nonostante ciò è possibile scommettere su quote alte relative a questo match. La “Vecchia Signora” vanta una delle migliori difese del campionato, mentre i friulani hanno subito finora ben più di 40 goal, con una media nettamente superiore alla singola rete a partita. La novità dei 5 cambi giova sicuramente agli ospiti. In questi mesi si è sottolineato spesso che la Juventus ha a disposizione due squadre di titolari, considerando l’elevato valore delle riserve. Basti pensare all’esempio di Federico Bernardeschi, che bene o male ha continuato a macinare presenze conservando anche la stima del ct azzurro Roberto Mancini. Insomma, pensare che l’Udinese possa fare risultato contro questa Juventus è davvero molto complicato, ma considerando che siamo nel finale di stagione, mai dire mai…

    Più informazioni su