Lo scudetto è, quasi, della Juventus

Più informazioni su

    Questo campionato di Serie A estremamente lungo, complicato e ricco di imprevisti sta finalmente volgendo al termine e la Juventus è ormai a un passo dalla conquista del nono scudetto consecutivo. I bianconeri si godono un vantaggio più che rassicurante sulle inseguitrici Inter, Lazio e Atalanta e la sensazione è che la squadra di Sarri potrà riuscire a laurearsi Campione d’Italia già nei prossimi giorni.

    Il lavoro di Sarri non è ancora valutabile

    Alla vigilia di questo campionato, l’attesa nei confronti della nuova Juventus di Sarri era enorme. Il tecnico toscano, dopo l’esperienza positiva in terra britannica alla guida del Chelsea, era stato scelto da Agnelli e Paratici per dar vita a un nuovo ciclo vincente dopo i cinque anni targati Massimiliano Allegri. Nelle intenzioni societarie, Sarri avrebbe quindi dovuto dare alla Vecchia Signora il gioco brillante e spumeggiante che era mancato negli ultimi anni soprattutto in campo internazionale. Sebbene qualche lampo di bel gioco ci sia stato e sebbene a tratti la Juventus abbia lasciato intravedere tutto il potenziale, le prestazioni dei bianconeri sono state al di sotto delle aspettative e subito Sarri è stato messo sul banco degli imputati. La sensazione, tuttavia, è che il lavoro del tecnico toscano non sia ancora valutabile, sia perché non ha avuto a disposizione giocatori funzionali alle proprie idee di gioco, sia perché in quest’era post coronavirus sono saltati tutti gli equilibri. Nonostante ciò, a poco meno di due settimane dal termine del campionato i bianconeri si godono la vetta solitaria della classifica e secondo le scommesse calcio sono ormai sicurissimi della conquista dell’ennesimo titolo.

    La mente è già alla Champions League

    Se è vero che la questione scudetto è praticamente archiviata, è altrettanto vero che i bianconeri avranno poco tempo per festeggiare e subito si dovranno rimettere al lavoro per farsi trovare pronti alla ripresa della Champions League. La Vecchia Signora è infatti attesa alla partita di ritorno contro il Lione valevole per gli ottavi di finale della competizione, con i francesi che saranno chiamati a gestire l’1-0 dell’andata. Ronaldo e compagni, a ogni modo, hanno a propria disposizione tutti i mezzi per ribaltare il risultato e la sensazione è che davvero questo possa essere l’anno buono per tornare al successo in Europa a 24 anni di distanza dall’ultima volta. Sarri, dal canto suo, dovrà essere bravo a convincere i propri ragazzi che battere il Lione è un’impresa possibile e che con calma e senza frenesia ogni risultato potrà essere raggiunto. L’obiettivo dei bianconeri è qualificarsi alle Final Eight che andranno in scena ad agosto a Lisbona e mai come quest’anno la competizione pare aperta a ogni possibile scenario. Ad aspettare i bianconeri in Portogallo ci sarà sicuramente l’Atalanta di Gian Piero Gasperini che, attesa ai quarti in una storica sfida contro il Paris Saint-Germain, non ha alcuna intenzione di smettere di sognare.

    Per la Juventus la vittoria del nono scudetto consecutivo è sempre più vicina e non vediamo l’ora di scoprire quando l’aritmetica consegnerà il titolo ai bianconeri.

    Foto fonte pagina fb ufficiale juventus

    Più informazioni su