Due Arcieri Astarco protagonisti della Virtuous Archery Cup, Andrea Pescatori bene a Cameri

Più informazioni su

Grazie all’iniziativa e all’intraprendenza dell’arciera piemontese Patrizia Cavallini dal 29 giugno al 26 luglio si è svolta la Virtuous Archery Cup, manifestazione che ha puntato a coinvolgere più arcieri possibile su tutto il territorio nazionale in un “virtuale” campo nazionale di gara. Scopo, oltre a quello di permettere agli arcieri di tornare a gareggiare, anche se pur amatorialmente e virtualmente, è stato prendersi l’impegno di fare una donazione ad un’associazione del proprio territorio impegnata nella lotta al Covid-19.

Il torneo virtuale, con un suo programma ben definito, ha previsto che ogni arciere, socio FITARCO, tirasse le proprie frecce nell’impianto della sua società e che tutti i partecipanti avessero a disposizione quattro sessioni di tiro, al massimo 3 ore consecutive per sessione, le prime tre da 36 frecce (6 volée da 6 frecce), la quarta e ultima da 12 volée da 3 frecce.
Ogni arciere ha avuto a disposizione diversi giorni, a sua scelta, per completare la gara. Rigido e rigoroso il sistema di controllo e valutazione dei risultati.

Da Laives (BZ) a Polistena (RC) passando anche per Asti sono stati 155 gli arcieri online che si sono sfidati in una delle gare più uniche ed originali mai disputate nella storia del Tiro con l’Arco.
Per l’Arstarco non potevano che essere il Vice Presidente Stefano Vassarotti e il Primo Consigliere Segretario Andrea Pescatori a tentare l’impresa.
A conclusione delle 4 sessioni di gara i due arcieri astigiani si sono qualificati rispettivamente quattordicesimo e tredicesimo con 1068 punti Vassarotti e 1087 punti Pescatori nella categoria Arco Nudo Over 20.

Protagonista inarrestabile di questa stagione arcieristica “Sperimentale”, Andrea Pescatori non si è lasciato sfuggire neppure l’H&F.
Sessanta arcieri si sono dati appuntamento a Cameri (NO), presso la “Cascina Bornago”, per l’ultima gara sperimentale regionale campagna, organizzata dall’ASD Arcieri Cameri con la collaborazione degli ASD Arcieri Sentiero Selvaggio di Venaria e sotto l’egida del Comitato FITARCO Piemonte.
Ottimo il risultato di Pescatori che, con 238 punti, si posiziona quinto nella categoria Arco Nudo Master Maschile.

Intanto all’Astarco si cerca di tornare ai ritmi pre-pandemia: ricominciano gli allenamenti e si riapre ai corsi, sempre nel peno rispetto delle normative AntiCovid.
La novità di quest’anno è rappresentata dall’ingresso in Società, come Tecnici Istruttori, di due tra i più medagliati nazionali ed internazionali arcieri: Matteo Fissore e Francesca Bajno.
Non solo l’Astarco ricomincia, ma si rivoluziona cercando di dare ai suoi agonisti, così come a tutti coloro che vogliono approcciarsi al mondo arcieristico un’offerta formativa più completa ed accattivante. Matteo e Francesca sono due ottimi arcieri la cui carriera agonistica è in pieno svolgimento e ricca di soddisfazioni. Il loro apporto alla Società non potrà che portare benefici in termini di tecnica, d’esperienza, di capacità e di stimoli.
I corsi sono aperti a tutti, dai 7 ai 90 anni, e per chi fosse interessato si può rivolgere direttamente alla Società Astarco.

Più informazioni su