Quantcast

Due arcieri Astarco protagonisti del torneo virtuale e solidale Virtuous Archery Cup 2020

Arco e beneficenza vanno ancora una volta di pari passo grazie alla Virtuous Archery Cup 2020.

A causa della pandemia di Covid-19 tutti gli sport, compreso il Tiro con l’Arco, hanno dovuto fermarsi e solo recentemente la Federazione Nazionale FITARCO ha autorizzato tutte le società a riprendere gli allenamenti, mentre per le gare valide per le qualifiche ai Nazionali ci sarà ancora da aspettare.

Grazie però all’iniziativa e all’intraprendenza dell’arciera piemontese Patrizia Cavallini dal 29 giugno al 26 luglio si svolgerà la Virtuous Archery Cup, una manifestazione che punta a coinvolgere più arcieri possibile su tutto il territorio nazionale in un “virtuale” campo nazionale di gara. Scopo,oltre a quello di permettere agli arcieri di tornare a gareggiare anche se pur amatorialmente e virtualmente, è prendersi l’impegno di fare una donazione ad un’associazione, dalla croce rossa alla protezione civile, solo per fare due esempi, o altro ente o associazione del proprio territorio impegnata nella lotta al Covid-19.

Il torneo virtuale ha un suo programma ben definito, ogni arciere, socio FITARCO, tirerà le proprie frecce nell’impianto della sua società e tutti i partecipanti avranno a disposizione quattro sessioni di tiro, al massimo 3 ore consecutive per sessione, le prime tre saranno da 36 frecce (6 volée da 6 frecce), la quarta e ultima sarà da 12 volée da 3 frecce. Ogni arciere ha a disposizione diversi giorni, a sua scelta, per completare la gara, l’importante sarà inviare i punteggi dopo ogni volée. Rigido e rigoroso sarà il sistema di controllo e valutazione dei risulati.
Da Laives (BZ) a Polistena (RC) passando anche per Asti sono 155 gli iscritti online che si sfideranno in una delle gare più uniche ed originali mai disputate nella storia del Tiro con l’Arco.

Per l’Astarco non potevano che essere il Vice Presidente Stefano Vassarotti e il Primo Consigliere Segretario Andrea Pescatori a tentare l’impresa.
La prima delle quattro sessioni di gara a loro disposizioni si è svolta mercoledì pomeriggio al Campo Astarco di Variglie, nel pieno rispetto delle normative AntiCovid, e ha visto i due Arconudisti Senior tirare dalla distanza di 40mt su targa 122 le prime 36 frecce, con risultati parziali di 282 per Pescatori e di 262 per Vassarotti.