Lavinia Saracco: “Pronti subito 4 milioni per le realtá sportive piemontesi”

Si è svolto nella giornata di ieri, giovedí 14 maggio, il Consiglio Regionale del CONI, volto a trovare immininenti soluzioni e a decidere il futuro dello sport regionale in questo periodo di Covid-19. In qualità di Delegato CONI della provincia di Asti è intervenuta a SportAsti Lavinia Saracco.

“Sono molto soddisfatta di quanto emerso dal Consiglio Regionale del CONI, ho riscontrato una importante sinergia istituzionale tra il Presidente della regione Piemonte Alberto Cirio, l’Assessore allo Sport Fabrizio Ricca, il quale si è dimostrato decisamente comprensivo, il Presidente Regionale del CONI Giancarlo Porqueddu a cui le società affidano con tanta fiducia il ruolo di portavoce, Silvia Bruno presidente regionale del comitato paralimpico, la quale ha esposto le problematiche per gli atleti disabili, dovute a un attenzione maggiore nell’attività, in quanto bisognosi di un tecnico o un assistente che si possa occupare delle loro esigenze.”– dichiara a SportAsti il delegato provinciale CONI Lavinia Saracco.

“La partecipazione è stata davvero elevata, favorita senza dubbio dal format della videoconferenza, ma estremamente efficace – prosegue Lavinia Saracco – sono state 92 infatti le figure sportive che hanno presenziato tra federazioni e rappresentanti delle società. Le grida di aiuto delle piccole realtà del panorama regionale finalmente trovano una spalla su cui contare nelle istituzioni competenti, come raramente si era potuto constatare precedentemente.”

“Posso ufficializzare con piacere che la Regione Piemonte ha deciso di intervenire stanziando subito 4 milioni di euro che saranno accessibili a tutti e che permetteranno a chi promuove lo sport locale di sopravvivere alla crisi dovuta al Coronavirus. A tal proposito verrà pubblicato un bando, a cui le società dovranno rispondere con le rendicontazioni reali in base al numero di tesserati, eventi creati, agonisti e non, atleti disabili e non disabili e con uno sguardo particolare all’ attività giovanile, la quale rappresenta senza dubbio il futuro del movimento. A bando concluso sarà disponibile un ulteriore milione di euro.”

“Il bando proposto dalla regione ha tenuto conto delle osservazioni e del contributo fornite dal CONI, e verrá anche messa a disposizione alle associazioni sportive una piattaforma che favorirà i pagamenti. Per quanto riguarda la ripresa dello sport, essa rappresenta un’incognita perché ad oggi l’assessore Ricca ha dichiarato che gli sport individuali torneranno con gli allenamenti dal 18 maggio mentre gli sport di squadra dovranno ancora passare al giudizio della commissione scientifica. Spero vivamente che il bando possa soddisfare tutti, perché le istituzioni coinvolte stanno veramente lavorando duramente per permettere la ripresa dell’attivita sportiva”.

Tra le iniziative di sostegno alla sport, la Regione Piemonte ha deciso di stanziare 1 euro per ogni tesserato, con particolare attenzione verso chi ha tra le proprie fila anche atleti disabili. Il Coni Piemonte vorrebbe affiancare la Regione, ma ciò dipenderà se saranno sbloccati, a livello nazionale, dei fondi che permetterebbero al Coni regionale di poter intervenire a sua volta.