A Mombercelli un importante seminario di Taekwondo con la prestigiosa presenza del Maestro Gaspare Cervo

Nello scorso fine settimana Mombercelli ha ospitato un importante momento sportivo.

La sezione Taekwondo della locale Polisportiva ha organizzato un seminario con la prestigiosa partecipazione del maestro Gaspare Cervo in possesso dell’ottavo Dan della European Taekwondo Union e del settimo Dan FITA/Kukkiwon.

Il seminario ospitato a Mombercelli ha interessato sia gli atleti più piccoli (dai 5 a 13 anni), sia quelli più grandi (sopra ai 14 anni) che hanno potuto apprendere nozioni a 360° sia per le tecniche di combattimento, sia per quanto riguarda le forme. Nel Taekwondo si studiano nahce tecniche di difesa personale.

L’APD Mombercelli, come sezione di Taekwondo, è affiliata FITA, la federazione riconosciuta dal CONI; il direttore sportivo è Devis Mazzetti che allena, insieme a Alessandro Sodano, oltre una ventina di atleti che provengono anche dai paesi limitrofi.

Curriculum del Maestro GASPARE CERVO

Nato in Sardegna nel 1959, dai 6 ai 27 anni ha vissuto in Germania, nel 1972 inizia l’avventura con il Taekwondo, sotto la direzione tecnica del allora responsabile tecnico nazionale Shin Boo Yong, è seguito in allenamento dall’allora vice campione del mondo dei pesi massimi Meinolf Luettecken, dal 1977 al 1985 è stato seguito il maestro Kim Woo Kang.

Dal 1977 al 1985 in Germania ha fondato 4 club di Taekwondo, di cui 3 sono ancora attivi dopo quasi 34 anni, ritornato in Italia nel 1986 ha fondato le seguenti ASD: Centro Taekwondo Olbia, Kim Do Kwan Berchidda, “Moo Duk Kwan ” Centro Taekwondo Padru, Shardan Taekwondo Siniscola. Attualmente insegna presso il Centro Taekwondo Olbia.

Nel 1979 è Vice campione tedesco in combattimenti e vince la Medaglia di argento ai Goodwill Games in Olanda dove viene premiato come miglior atleta, nel 1980 è Vice campione tedesco in combattimento del ITF Germany, nel 1981 si laure Campione tedesco in combattimento del ITF Germany, mentre nel 1985 vince la medaglia di oro e miglior tecnica al primo campionato di forme in Germania.
Nel 1987 è Vice campione Italiano di forme, dal 2000 al 2012 collabora con enti di promozione con incarico di tecnico nazionale, partecipando a varie competizioni nazionali e internazionali conquistando personalmente varie Medaglie di oro argento e bronzo. Recentemente ha conquistato la terza medaglia di argento e la prima di bronzo ai Campionati Italiani di forme con la FITA.
Dal 2009 è in possesso dell’ottavo Dan della European Taekwondo Union e dal 2013 del settimo Dan FITA / Kukkiwon, dal 2013 è rientrato in FITA Federazione italiana Taekwondo, federazione che il maestro considera una delle miglior funzionanti al mondo.

Cos’è il Taekwondo

Il Taekwondo, dal coreano Tae “colpire col piede, kwon “pugno” e do “arte” è un metodo di combattimento di antica origine coreana. Praticato sin dal 1° sec. a.C. come arte marziale, il Taekwondo si è affermato come disciplina sportiva di combattimento nella seconda metò del sec. XX, distinguendosi dagli altri sport marziali per la particolare efficacia, dinamismo e spettacolarità delle sue tecniche di gamba (calci circolari ed in volo, calci multipli).

Diffuso in tutti i continenti (210 le nazioni affiliate alla World Taekwondo, 50 in Europa, 70 milioni i praticanti), il Taekwondo è stato ammesso inizialmente come sport dimostrativo ai Giochi Olimpici di Seoul ’88 e Barcellona ’92, per poi essere inserito come sport olimpico ufficiale dalle Olimpiadi di Sidney 2000.

Ai Giochi di Pechino 2008 l’Italia ha conquistato la sua prima medaglia olimpica nel Taekwondo con l’atleta Mauro Sarmiento, argento nella –80 kg. Il successo più grande arriva con le Olimpiadi di Londra 2012, dove Carlo Molfetta porta l’Italia sul tetto del mondo conquistando la storica medaglia d’oro, diventando peraltro il primo atleta occidentale a vincere la categoria dei pesi massimi da sempre la categoria più ambita negli sport da combattimento.

Nella stessa edizione arriva la seconda medaglia di Sarmiento, questa volta di bronzo. Con questi risultati l’Italia si piazza al 2° posto nel medagliere olimpico del Taekwondo, e contemporaneamente fa fare uno scatto in avanti all’Italia ai Giochi di Londra posizionando il Nostro paese al 10 posto della classifica generale.