Giovanni Malagò inaugura ad Asti l’Anno Sportivo Piemontese fotogallery

Presenze eccellenti ad Asti, nella splendida cornice del Teatro Alfieri, per l’inaugurazione dell’anno sportivo del Piemonte.

Infatti, per la prima volta la Celebrazione dell’Anno Sportivo Piemontese lascia Torino e, grazie al Presidente del Coni Regionale Gianfranco Porqueddu, ha scelto Asti per essere vicino al territorio, alla presenza del Presidente del Coni Giovanni Malagò.

Dopo i brividi provati per l’Inno d’Italia cantato da Eleonora Anselmo, sono saliti sul palco le autorità cittadine e provinciali insieme ai massimi rappresentanti del Coni Nazionale e Regionale.

“Un orgoglio per la nostra città, come sottolineato da Maurizio Rasero, che ha anche annunciato l’avvio dell’iter per riconoscere a Porqueddu la cittadinanza astigiana vista la sua disponibilità e attenzione verso Asti.

Avere una cerimonia così importante ad Asti è stato il frutto di un percorso particolarmente voluto e seguito dall’Assessore Mario Bovino, entusiasta della presenza di Malagò sul palco del Teatro Alfieri.

“Una città ed un territorio sportivo fatto da un tessuto vivace, che veicola insegnamenti positivi” – chiosa il Presidente della Provincia Paolo Lanfranco.

“Ad Asti ero già venuto – ha esordito Malagò – ma non lo ricordavo più! Fino al 24 giugno sarò in silenzio olimpico vista la decisione attesa a Losanna per un motivo che qui in Piemonte è ancora una ferita aperta (l’attribuzione delle olimpiadi invernali, ndr). Chi vive di sport sa che bisogna lottare e lo si deve fare anche per quanto riguarda il futuro del Coni.”

Dopo gli interventi delle autorità la cerimonia è entrata nel vivo con la lettura della formula di celebrazione dell’Anno Sportivo Piemontese fatta dal presidente Malagò insieme all’atleta Silvia Crosio. La cerimonia è poi proseguita con la consegna di quindici tra benemerenze e onorificenze ad atleti e dirigenti piemontesi.

Grandi applausi per l’esibizione delle Cheerleaders Sharks di Asti che ha preceduto la premiazione degli sportivi piemontesi dell’anno.

Premiazione iniziata con il momento più toccante della cerimonia, il ricordo di Sara Anzanello, la pallavolista prematuramente scomparsa a soli 38 anni lo scorso ottobre a cui è stato assegnato il Premio “Sportivo per Sempre” ritirato dalla delegata del Coni Point di Novara.

Sul palco del Teatro Alfieri sono poi saliti Cesare Turtoro, premio Sportivo nel Mondo, Mauthe Von Dagerfeld e Giuliano Patetta, Premio alla Carriera, Livia Bregonzio, Sportiva astigiana, Silvia Crosio, Giovane Promessa, Federico Danesi, Giornalista, Gianni Gallo, dirigente, Rita Guarino, Tecnico. Erano assenti per motivi agonistici Alessandro Miressi, premio Atleta e lo Sportivo Piemontese dell’Anno, il pilota di MotoGP Francesco “Pecco” Bagnaia.

All’evento ha presenziato anche Alberto Cirio, neo governatore del Piemonte, che ha annunciato importanti interventi sullo sport con la nuova giunta regionale (per saperne di più clicca QUI).

La cerimonia è stata organizzata dal Coni Piemonte con il supporto dello staff del Coni Point di Asti coordinato dal delegato Lavinia Saracco.