Tutto pronto a Nizza Monferrato per il Convegno sulla corsa e la 2a MonferRun

E’ stata presentata ufficialmente presso il Comune di Nizza Monferrato la seconda edizione della MonferRun, mezza maratona nazionale in programma domenica 25 febbraio.

Il Sindaco di Nizza Monferrato, Simone Nosenzo, insieme all’Assessora allo Sport Erika Marengo, alle amministrazioni comunali di Calamandrana e Canelli, rappresentate rispettivamente da Federica Morando e Giovanni Bocchino hanno sottolineato l’importanza dell’iniziativa, organizzata dalla Brancaleone Asti, in quanto fondamentale volano per attrarre turismo sul territorio.

L’importanza del turismo sportivo è ritenuta così fondamentale tanto da aver sostenuto l’idea di spalmare l’evento su due giorni: infatti, sabato mattina, al Foro Boario, si terrà un importante convegno dal titolo “La Corsa nelle sue declinazioni”, con illustri relatori quali Paolo Germanetto, Maurizio Di Pietro e Fulvio Massa, che metteranno a confronto i mondi e le tecniche di allenamento del mezzofondo tradizionale, del cross, della corsa in montagna e dal trail running.

Seguirà, il giorno dopo, la competizione, che si snoderà sulla distanza dei 21 km e 97 metri, omologati Fidal, e la 7 km non competitiva, che terminerà a Calamandrana, da dove i partecipanti potranno fare ritorno a Nizza con la navetta messa a disposizione dal comune.

L’aver distribuito su due giorni gli eventi rappresenta un ulteriore stimolo nel portare gente sul territorio e farla restare a godersi la bellezza del Paesaggi Vitivinicoli Patrimonio dell’Umanità e di gustare le prelibatezze enogastronomiche locali.

Le amministrazioni di Nizza, Canelli e Calamandrana uniscono le forze e superano ogni storico campanilismo nel supportare Fabio Amandola, presidente del GSD Brancaleone Asti, e deus ex machina della MonferRun, nel gestire tutti i complicati aspetti di un evento così importante.

Proprio Amandola ha sottolineato come tanti podisti, provenienti da Liguria, Lombardia e perfino dalla Sardegna, lo abbiamo contattato per suggerimenti su agriturismi in cui andare a degustare la cucina nostrana.

Fondamentale, per la realizzazione di tutto questo, anche il supporto delle associazioni di volontariato locali e degli sponsor, a partire dal Consorzio del Barbera d’Asti e Vini del Monferrato, il cui Presidente Filippo Mobrici, presente in conferenza stampa, ha tenuto a specificare come il Consorzio si senta partner di questa manifestazione, sostegno concretizzato nell’apporto di 800 bottiglie di vino che saranno nel pacco gara dei partecipanti.

Da non dimenticare poi il coinvolgimento del Polo enomeccanico di Canelli; la splendida medaglia da finisher, infatti, è frutto del lavoro di due aziende canellesi: in acciaio inox, è stata realizzata artigianalmente ed offerta dalle aziende locali Marmoinox e Sgt.

Da non dimenticare poi il supporto di tutte le altre realtà, a partire da Amaro del Centenario, Audi Zentrum Asti e Joma.

A livello di preiscrizioni, la MonferRun 2018 ha già confermato gli importanti numeri del 2017: ad oggi, si stanno avvicinando i 600 iscritti alla competitiva, ma c’è ancora tempo fino a giovedì per le preiscrizioni.

Manca solo più una settimana e l’attesa finirà, e da lunedì 26 febbraio il pensiero andrà subito alla terza edizione della MonferRun, già preannunciata oggi stesso.

Per tutte le informazioni tecniche sulla 2a MonferRun clicca QUI.
Per tutte le informazioni sul Convegno “La Corsa nelle sue declinazioni” clicca QUI.