Domenica quattro astigiani al via della 31° edizione della Maratona dles Dolomites

Alla Maratona dles Dolomites-Enel 2017, la regina delle Granfondo internazionali, sono attesi alla partenza 9.000 ciclisti, sorteggiati tra le 33.000 richieste di adesione, che sfideranno i 7 passi dolomitici: Pordoi, Sella, Campolongo, Falzarego, Gardena, Valparola, Giau tutti rigorosamente chiusi al traffico.

Partenza da La Villa alle ore 6.30 e arrivo a Corvara. Tre i percorsi di gara:Lungo di 138 km e 4230 m di dislivello, Medio di 106 km e 3130 m di dislivello e Sella Ronda di 55 km e 1780 m di dislivello.

I partecipanti italiani sono in maggioranza con 4.500 iscritti, seguiti da Germania, Gran Bretagna, Paesi Bassi e Danimarca. Ci sono anche ciclisti provenienti da Emirati Arabi, Tailandia, Cina, Costa Rica e Brasile. Questa edizione sarà caratterizzata dalla grande affluenza di nomi noti dello sport in generale e di imprenditori e dirigenti, che amano le sfide toste. Tra gli sportivi Bradley Wiggins, Paolo Bettini, Manfred e Manuela Mölgg, Dorothea Wierer, Davide Cassani, Roberto Sgalla, Federico Pellegrino, la pluricampionessa di casa Maria Canins e tanti altri. In questa cornice unica ci sarà anche un nutrito gruppo di manger e nomi noti: Francesco Starace, Amministratore Delegato di ENEL,Carlo Tamburi, Direttore Country Italia di Enel, Rodolfo De Benedetti (CIR), Mario Greco (AD Zürich), Fausto Pinarello (Pinarello), Matteo Arcese (Arcese), Alberto Calcagno (Fastweb), Emilio Mussini (Panaria Group), Laura Colnaghi (Carvico), Giovanni Bruno (Sky), Alberto Sorbini (Enervit).

Quattro gli astigiani al via della corsa: Carlo Biglia di Nizza Monferrato, tesserato per l’ASD Bike Store Nizza, il sandamianese Andrea Gallo del Team Isolmant e il duo di Buttigliera d’Asti Diego Dall’Osto (ASD Polisportiva Pessionese) e Diego Zanchin (APD PESSIONESE)

Come ogni anno il tema della 31a edizione della Maratona dles Dolomites-Enel 2017 è l’amore.

Ce ne parla Michil Costa, patron dell’evento: “Perché l’amore è come andare in bici, ci vuole resistenza, perseveranza, cuore. Ci vuole testa per affrontare i sussulti dell’animo, così come i tornanti di una salita. Ci vuole ostinazione nella mente e spirito libero nel cuore. E rispetto della natura, umana e terrena. E se in questo mondo davvero trionfasse l’amore, beh, avremmo un mondo stupendo come lo sono le nostre Dolomiti”.

Confermata anche la diretta televisiva su Raitre dalle ore 06.15 alle 12.15 e la chiusura al traffico dei passi dolomitici durante lo svolgimento della gara.