Al Rally Colli del Monferrato e del Moscato comandano Strata-Garbero dopo il primo giro di prove

Più informazioni su

    Grazie alla splendida giornata di sole moltissimo pubblico ha salutato gli equipaggi che hanno sfilato sotto il palco partenti prima di raggiungere il primo tratto cronometrato.

    Ps. 1 “Canelli” 7,00 km
    A staccare il miglior tempo sulla ps 1 sono stati Marco Strata in coppia con Ylenia Garbero che hanno preceduto con la loro Mitsubishi EVO IX di 3.01 Giacomo Rossi e Luca Culasso (A7) e di 6.5 Roberto Benazzo e Gianpaolo Francalanci (N4).

    Nel Trofeo 600 per un Sorriso ha dominato il primo tratto cronometrato Giovanni Bausano in coppia con Alessandro Rappoldi. Tra le storiche è al comando Arcangelo Defilippi che con la sua Opel Kadett GTE ha ottenuto il quarantaquattresimo tempo assoluto. In questa prova si segnala il ritiro di tre equipaggi: Cortese – Moncada (N4), Curatolo – Andreis (A6) e Leporati – Maschietto (N2).

    Ps 2 “San Marzano Oliveto” 4,00 km

    Ezio Grasso, in coppia con Daniele Araspi, hanno fatto registrare il miglior tempo sulla prova “San Marzano Oliveto” precedendo Rossi – Culasso (A7) di 0.6 e Strata di 2.3 (N4). Nel Trofeo 600 per un Sorriso Giovanni Manfrinetti ha imposto il suo passo precedendo Cillis e Bertolozzi. Tre i ritiri anche in questo tratto cronometrato: Giribaldi – Bo (N3), Tavelli – Cottellero (A5) e Trovato – Burgazzoli (2° Raggruppamento) mentre Camere – Barbin si sono ritirati lungo il trasferimento.

    Dopo il primo giro di prove al comando troviamo Marco Strata ed Ylenia Garbero che nonostante un errore nei primi chilometri della ps 2 possono vantare 3.1 di vantaggio su Giacomo Rossi e Luca Culasso che stanno sfruttando al meglio la loro “vecchia” Renault Clio A7. Gradino più basso del podio provvisorio per Roberto Benazzo e Gianpaolo Francalanci che accusano un ritardo di 7.0 dalla vetta della classifica. “Devo ancora prendere la mano” ha commentato Roberto Benazzo. “Sulla prima prova abbiamo bucato e abbiamo problemi con la quinta marcia”.

    Red.

    Più informazioni su