SportAsti - Notizia di Sport dalle Langhe Asti e Roero - La voce dello Sport Astigiano

Problemi muscolari: l’importanza di una corretta diagnosi per guarire al meglio

Più informazioni su

Molto spesso, facendo sport, capita di andare incontro ad episodi dolorosi a carico dei muscoli: i problemi muscolari, infatti, sono una delle tipologie più frequenti di infortunio.

Rappresentano infatti circa il 30% di tutti i traumi, ed accadono a tutti gli sportivi, siano essi amatori od agonisti. Vanno quindi tenuti in massima considerazione, poiché dal loro corretto inquadramento e da un trattamento idoneo può dipendere la ripresa ed il proseguimento della disciplina sportiva.

Innanzitutto, esistono delle condizioni generali ed individuali che possono favorire l’insorgenza di tali problematiche: difetti di allenamento, mancanza di riscaldamento, condizioni atmosferiche, terreno di gioco, velocità di movimento sono i fattori generali mentre fattori psicologici, pregressa lesione non ancora completamente riabilitata, scarsa elasticità, fatica, squilibri muscolari tra muscoli agonisti ed antagonisti, età, squilibri elettrolitici e deficit energetici dovuti ad una errata alimentazione sono invece fattori individuali che possono determinare problemi muscolari.

La diagnosi deve sempre essere fatta da un medico specialista e si basa sull’anamnesi, sull’esame clinico e sull’imaging tramite ecografia e/o risonanza magnetica, RMN.

Questi due metodi sono fondamentali per identificare più accuratamente l’estensione e la sede di lesione, per poter intervenire nella maniera più rapida e corretta, ed evitare così l’insorgenza di complicanze e l’aumento dei tempi di recupero. Senza una diagnosi precisa è impossibile approntare una strategia terapeutica: trattare una distrazione come una semplice contrattura, può avere effetti devastanti.

Tra gli sportivi amatoriali, va spesso di moda “l’autodiagnosi” ma bisogna dunque fare molta attenzione; curiosamente, spesso un buon modo di fare autodiagnosi da parte degli amatori è di farla “pessimisticamente”, considerando il trauma più grave rispetto a quello che potrebbe essere davvero.  In questo caso, dunque, non vale la regola del “Chi fa da sé fa per tre”, meglio farsi aiutare da chi è specializzato.

I sintomi dei problemi muscolari degli atleti possono variare molto in base alla sede di lesione e spesso sono soggettivi: indolenzimento, che può insorgere anche a distanza di ore, pesantezza, rigidità del muscolo, sensazione di crampo non ben localizzato, un dolore acuto e a volte tagliente evocato da un movimento specifico, perdita di funzionalità e, anche a distanza di giorni, presenza di ematoma.

Le lesioni vengono differenziate in base al meccanismo lesivo in lesioni da trauma diretto o indiretto.

Gli infortuni da trauma diretto sono le contusioni. Si tratta di traumi da impatto (il più frequente è la ginocchiata a livello della coscia), caratterizzati da dolore, limitazione del movimento e talvolta gonfiore ed ecchimosi locale. Solitamente si risolvono in pochi giorni, ma non bisogna mai sottovalutarle.

Le lesioni muscolari da trauma indiretto possono essere causate da condizioni generali e/o individuali, come quelle viste in precedenza, oppure da una violenta contrazione che si sviluppa in un muscolo già allungato, da un allungamento violento in un muscolo in fase di contrazione in relazione ad un preciso gesto tecnico (brusca frenata e ripartenza, cambio di direzione).

Tali lesioni sono le più frequenti in assoluto tra i problemi muscolari e vengono differenziate in: DOMS (Delayed Onset Muscle Soreness), crampi, contratture, elongazione e in lesioni muscolari di vario grado.

Il DOMS è una situazione caratterizzata da una sintomatologia dolorosa e sensazione di fastidio che compaiono entro 24 ore dal termine dell’allenamento o della competizione, persistono per 48-72 ore e si risolvono spontaneamente. Apprezzabile dallo sportivo durante la contrazione a alla palpazione del muscolo rilassato, è accompagnata dall’incapacità di esprimere elevati livelli di performance muscolare. Il DOMS è il risultato di microtraumi che colpiscono le singole fibre muscolari di soggetti non adeguatamente allenati.

Più informazioni su